SLIDENEWS

BUSINESS INTELLIGENCE E BIG DATA

Davvero positive in Italia le performance del mercatoanalytics” registrate nell’arco del 2016 e raccolte dall’Osservatorio Big Data Analytics e Business Intelligence del Politecnico di Milano.

L’area Nord-Est del nostro paese, in particolare, ha contribuito trainando il settore a una crescita generale del 15% grazie ai progetti di Business Intelligence “tradizionali”, che hanno raggiunto un valore di 722 milioni di €, e la componente Big Data che, nonostante abbia portato meno valore in termini economici (183 milioni di €), si è distinta per una percentuale di crescita molto maggiore.

business intelligence

Protagoniste di questi ottimi risultati sono per l’87% le grandi imprese che continuano ad avere ben chiara l’importanza di investimenti nel mercato analytics, mentre solo il 13% delle PMI, soprattutto nei settori bancario/assicurativo e della GDO, affronta progetti di questo tipo.

Ciò significa che solamente 1 PMI su 3 dedica parte del proprio Budget ICT a soluzioni e strumenti in tema analytics. Le motivazioni vanno ricercate senz’altro nella crisi economica che ha ridotto parecchio l’opportunità e la capacità di spesa delle PMI, ma anche molto spesso nella cultura o nella memoria storica che caratterizzano investimenti in BI e Big Data. Storicamente, infatti, questi progetti si sono sempre contraddistinti per enormi complessità e ingenti dispendi di risorse poco ammortizzabili nel breve/medio periodo; discriminanti che ne hanno condizionato parecchio la diffusione su larga scala.

PowerBI dashboard

I tempi moderni, fortunatamente, sono in positivo molto differenti: i nuovi strumenti di Business Intelligence, sempre più “semplici”, votati a un approccioself-service” e quasi totalmente cloud-based, come ad esempio Microsoft Power BI, consentono la realizzazione di progetti analytics a fronte di un impegno economico e di risorse ridimensionato a misura di tutte le PMI.

Non solo, il valore aggiunto dalla qualità delle informazioni ricavate dalle elaborazioni dei dati risulta indiscutibilmente un valido supporto a servizio dei processi decisionali predittivi attraverso cui la direzione aziendale pianifica strategie per il futuro del proprio business.