SLIDENEWS

MICROSOFT POWER BI: SFIDA APERTA AI MOSTRI SACRI DELLA BI

La nuovissima tecnologia Power BI è l’ultima arrivata nel panorama degli strumenti enterprise di Business Intelligence, ma ha saputo già conquistarsi un posto di tutto rispetto e una reputazione notevole, facendo letteralmente “le scarpe” ad alcuni prodotti storici e largamente diffusi.

Nata da un’evoluzione spinta degli add-on per Excel (Power Pivot, Power Query, Power View, Power Maps), Microsoft Power BI si presenta come la Business Intelligence 2.0, votata al self-made delle analisi e alla realizzazione smart, efficiente ed economica dei progetti.

Power BI logo

Caratteristiche non da poco che, anzi, hanno fatto inizialmente la fortuna di Power BI, suscitando dapprima curiosità e spingendo poi analisti, aziende e consulenti ad acquistare subscription economicamente davvero vantaggiose.
Con una fee inferiore a 9€ al mese per utente, la versione Pro di Power BI, gratuita in versione standard, offre tutte le migliori funzionalità desiderabili in uno strumento di Business Intelligence che si definisca valido: modelli di dati solidi, connettori a diverse tipologie di basi di dati, dashboard interattive, grafici personalizzabili, DAX formulas e interrogazioni molto efficienti anche in linguaggio naturale.

In più ha il vantaggio di essere Microsoft e dispone delle migliori integrazioni con Office, in primis, ma anche con ERP e CRM Dynamics e i servizi cloud di Azure che permettono, tra l’altro, lo streaming di dati in tempo reale. Offre app per l’accesso da tablet e smartphone, l’export dei report, una coerente familiarità delle interfacce tipica degli ambienti Microsoft e un aggiornamento continuo.

Power BI mobile devices

La rete di partner certificati a cui rivolgersi per consulenze, aggiornamenti o sessioni di formazione è ben nutrita e presente a livello mondiale, plus non indifferente da considerare, a garanzia di un supporto sempre costante.

Dimenticate i pesantissimi progetti di Business Intelligence difficili ed estremamente costosi da mantenere: Microsoft Power BI ha gettato la sfida a colossi del calibro di Oracle, SAP Business Object, Qlickview e Tableau e, credeteci, ha tutte le carte in regola per vincere il confronto.